BLOG 24Care - 24Care

24 Care Srl - PI & CF 10185010963
Vai ai contenuti

CHROME - Arrivano i blocchi!

24Care Srl
Pubblicato da in CURIOSITA' · 17 Giugno 2020
Tags: chromebloccatocomenonfarsibloccaredachromegraviproblemiconchrome
Chrome il mese prossimo inizierà a bloccare le notifiche dai siti che Google ritiene abusare o abusare del privilegio di emettere gli avvisi.

A partire da Chrome 84, il cui rilascio è previsto per il 14 luglio, i siti che Google ritiene che il traffico nelle notifiche intese a ingannare gli utenti verranno inseriti nella lista nera. Le notifiche di tali siti verranno ridimensionate a ciò che Google precedentemente definito come "UI silenziosa" e verrà visualizzato un avviso prodotto da Chrome che informa l'utente che il sito Web potrebbe tentare di ingannare lui o lei nell'accettare future comunicazioni.

"Le richieste di notifica abusive sono uno dei principali reclami degli utenti che riceviamo su Chrome", ha scritto PJ McLachlan, un product manager di Google, in un post del 28 maggio su un blog aziendale. McLachlan ha affermato che gran parte di tali notifiche ha origine "da un piccolo numero di siti offensivi".

Le notifiche "offensive", secondo McLachlan, includono due grandi categorie: "problemi di richiesta di autorizzazione", che inducono in errore gli utenti, di solito a consentire ulteriori notifiche e "problemi di notifica", avvisi ancora più nefasti che conducono attacchi di phishing, collegamento a software dannoso o prova a falsificare gli avvisi di sistema o persino i messaggi di chat.

In Chrome 84, la protezione abusiva delle notifiche del browser influirà solo sulle nuove "richieste di autorizzazione" da siti offensivi, non è possibile che gli utenti abbiano involontariamente concordato in precedenza. Google potrebbe estendere la difesa anti-notifica alle notifiche già accettate in futuro, ha affermato McLachlan.

I siti che Google decide di accettare notifiche abusive verranno avvisati via email almeno 30 giorni prima che Chrome inizi a applicare le sue nuove regole. Nel frattempo, i siti con le dita avranno la possibilità di rimediare e quindi inviare di nuovo per una seconda revisione.


Questa storia, "Chrome per indirizzare richieste di notifica abusive a partire da luglio" è stata originariamente pubblicata da Computerworld



Torna ai contenuti