BLOG 24Care - 24Care

24 Care Srl - PI & CF 10185010963
Vai ai contenuti

I PROGRESSI DELL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE POTREBBERO PORTARE ALLA DISOCCUPAZIONE DI MASSA

24Care
Pubblicato da in CURIOSITA' · 29 Agosto 2019
Tags: robotintelligenzaartificialesostituisceuomo
Gli esperti hanno avvertito che il rapido miglioramento dell'intelligenza artificiale potrebbe portare alla disoccupazione di massa pochi giorni dopo che Google ha rivelato l'acquisto di una start-up con sede a Londra dedicata allo sviluppo di questa tecnologia.

Parlando al programma Today di Radio 4 , il dott. Stuart Armstrong del Future of Humanity Institute dell'Università di Oxford ha affermato che sussisteva il rischio che i computer potessero assumere il posto di lavoro umano "a un ritmo più veloce di quello che potrebbero essere generati nuovi posti di lavoro".

"Abbiamo alcuni studi che esaminano quali sono i lavori più vulnerabili e ce ne sono molti nella logistica, nell'amministrazione, nella sottoscrizione assicurativa", ha affermato il dott. Armstrong. "In definitiva, un'enorme fascia di posti di lavoro è potenzialmente vulnerabile al miglioramento dell'intelligenza artificiale".

Il dottor Murray Shanahan, professore di robotica cognitiva all'Imperial College di Londra, ha concordato che i miglioramenti dell'intelligenza artificiale stavano creando "problemi a breve termine di cui tutti dobbiamo parlare".


"È molto difficile prevedere", ha detto il dott. Shanahan. "Questa è, ovviamente, una preoccupazione. Ma in passato, quando abbiamo sviluppato nuovi tipi di tecnologie, spesso hanno creato posti di lavoro contemporaneamente a sostituirli. Ma è certamente qualcosa di cui dovremmo discutere."

Entrambi gli accademici hanno tuttavia elogiato Google per aver creato un comitato etico per esaminare il "come distribuire in modo sicuro l'intelligenza artificiale e ridurre i rischi" dopo l' acquisto da £ 400 milioni di DeepMind, start-up con sede a Londra .

I dispositivi di potenza della tecnologia di ricerca di Google come Google Glass (sopra), che consentono agli utenti di eseguire ricerche e chiedere aiuto in linguaggio naturale.
DeepMind ha operato in gran parte inosservato dalla più ampia scena tecnologica del Regno Unito, anche se i suoi progressi nell'intelligenza artificiale sono stati ovviamente di interesse per gli esperti - fondata nel solo 2012, DeepMind è la più grande acquisizione europea di Google fino ad oggi.

Il dott. Shanahan ha salutato DeepMind come "un'azienda con alcune persone eccezionali che lavorano per essa", osservando che la società ha lavorato principalmente nelle aree dell'apprendimento automatico e dell'apprendimento profondo, che ha descritto come "tutto sulla ricerca di schemi in quantità molto grandi di dati “.

L'acquisto da parte di Google della società ha portato alla speculazione su come potrebbero implementare la tecnologia. Anche se si è parlato di usare gli algoritmi di DeepMind per dare "cervello" ai recenti acquisti robotici di Google , gli addetti ai lavori hanno affermato che l'acquisizione riguardava il miglioramento della funzionalità di ricerca, non l'IA.

Indipendentemente da come verranno utilizzate le competenze di DeepMind, l'acquisto da parte di Google della società sottolinea i timori crescenti sull'impatto della tecnologia sull'occupazione.

Gli accademici osservano che sebbene le professioni siano sempre state minacciate dalle forze del "progresso" (un concetto nebuloso che può coprire qualsiasi cosa, dai computer più veloci alle macchine a vapore più efficienti), le tendenze attuali suggeriscono che i lavori vengono distrutti più velocemente di quanto vengano creati.

Un recente articolo di Carl Benedikt Frey e Michael A. Osborne dell'Università di Oxford suggerisce che quasi la metà (47%) di tutti i lavori americani sono in pericolo e potrebbero essere automatizzati in "un decennio di due".


Frey e Osborne identificano i lavori più a rischio come quelli che si basano su routine (ad esempio telemarketing, contabilità di basso livello e immissione di dati) e che potrebbero essere sostituiti da algoritmi sempre più avanzati, nonché lavori nell'industria e nella produzione che hanno già stato profondamente ferito dai progressi degli ultimi decenni (vedi video sopra).

"Mentre l'informatizzazione è stata storicamente confinata alle attività di routine che implicano attività esplicite basate su regole, gli algoritmi per i big data stanno entrando rapidamente in domini dipendenti dal riconoscimento di schemi e possono facilmente sostituire il lavoro in una vasta gamma di attività cognitive non di routine", scrive Frey e Osborne.

“Inoltre, i robot avanzati stanno acquisendo sensi e destrezza migliorati, consentendo loro di svolgere una gamma più ampia di attività manuali. Ciò probabilmente cambierà la natura del lavoro tra settori e professioni. "

Sfortunatamente, sembra che possiamo supporre che gli stessi problemi diventeranno rapidamente evidenti anche nel Regno Unito. Sebbene alcuni tipi di lavori non siano ancora minacciati (specialmente quelli che coinvolgono il rapporto con altri esseri umani - una categoria vaga che può coprire qualsiasi cosa, dall'assistenza sanitaria alla direzione), ciò non garantisce che saranno sicuri per sempre.


Torna ai contenuti